disAccordi

Pubblicato: gennaio 23, 2012 in disAccordi
Tag:, ,

giovedì, 04 settembre 2008

sentivo oggi sull’ipod dei pezzi la quale presenza all’interno del suddetto sono anche per me motivo di sconforto e dubbio sulla mia integrità musicale. lo ammetto, ho ancora qualche pezzo dei Prozac +. e lo affermo con molta vergogna, poichè su questi tipi che per nostra fortuna hanno deciso di smettere con le loro solfe banali ed idiote avrei da avanzare solo continue lamentele. la musica è,dal primo all’ultimo dei loro CINQUE -qual’è il pazzo capace di dare finanziamenti simili?- album, sempre e dico sempre ma dico sempre la stessa. è praticamente impossibile riconoscere un pezzo dall’intro, perchè si ripete ogni volta la medesima meoldia: uno sciocco power chord in palm muth 4/4 nella strofa, accordi pieni nel ritornello. e i testi. i testi. ogni giorno mi domando chi possa aver finanziato della gente che scrive testi simili. la storia è sempre quella, una ragazza tossicomane che passa la sua vita a farsi di ogni droga disponibile sul mercato, la cui speranza di vita equivale alla metà di un povero bimbo del centro Africa, con la differenza che per quest’ultimo siffatta condizione non dipende dal compiere volontariamente azioni autodistruttive a tempo indeterminato. e questa si fa, e quella si fa, e quella sniffa, e questa si buca. cazzo mi frega???

che tristezza, questi vani tentativi di creare una coscienza punk in Italia. bnasta il pensiero, dite? Non credo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...