La legge (non) è uguale per tutti

Pubblicato: gennaio 23, 2012 in politica
Tag:, , ,

venerdì, 13 gennaio 2012

La camera ha detto no all’arresto del deputato PDL Nicola Costentino. La notizia di ieri getta nello sconforto più totale chi sperava in una possibile ripresa di una normale vita parlamentare, in un normale paese, in una normale democrazia.
ciò non è possibile.
il germe della corruzione, della disugaglianza, della delinquenza ha attecchito troppo profondamente perchè la semplice dipartita di Mister B. potesse cambiare le cose. quello è stato il primo, fondamentale passo, si. ma adesso è il paese che deve mettercela tutta. che dovrebbe, almeno.
ciò non è realizzabile.
la schiera dei venduti siede ancora indisturbata a Montecitorio e a Palazzo Madama, fa i suoi porci comodi e difende quelli della sua casta. e Cosentino nella casta è inserito benissimo, non solo in quella politica, ma anche in quella della peggior delinquenza campana e nazionale. parlano i documenti, le intercettazioni. a centinaia. ma ormai, nella repubblica delle banane, si può negare anche l’evidenza con una realtà edulcorata, adattata alle esigenze più meschine, perfettamente costruita.
com’è possibile? com’è possibile che proprio i nostri governanti si macchino di tali nefandezze? com’è possibile che gli ideali difensori della costituzione, uno dei documenti più importanti della nostra esistenza di cittadini, la ignorino e la rendano oggetto di scherno quotidiano, offendendo la dignità delle illustri e disgnitose personalità che la concepirono, in un clima di liberazione, libertà e giustizia, un clima che da tempo abbiamo dimenticato?
la legge non è uguale per tutti. così come la vita, i privilegi, le possibilità. e la coscienza.
si, perchè questi uomini e queste donne dovranno avere la capacità di portare sulla coscienza le conseguenze del loro menefreghismo, delle loro barbare azioni, conseguenze che sono tra l’altro già rese evidenti dalla condizione di decadimento totale in cui il paese riversa su tanti, troppi fronti.
come possiamo avere una speranza, se nulla riesce a cambiare? se i delinquenti siedono ancora al potere e controllano i loro loschi affari indisturbati? se una legge elettorale definita ‘porcellum’ dal suo stesso creatore non può essere eliminata perchè difende gli interessi di troppi potenti, e nega la libertà di scelta, diritto inalienabile di ogni libero cittadino alle elezioni, che dovrebbero essere la sublimazione massima dell’esercizio del potere democratico?
non ho una risposta per tutto questo. e credo che non la abbia nessuno dei nostri cari politici, anche coloro che si mostrano apparentemente puliti e benpensanti. perchè essi rimangono sostanzialmente impotenti, di fronte a questo terribile e progressivo disfacimento di nome Italia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...