Settimana 2, giorno 14

Pubblicato: marzo 15, 2012 in Diario di viaggio
Tag:, , , , ,

La vita dello studente credo sia una delle migliori vite possibili. Non puoi sentirti troppo in colpa del fatto che non lavori, perchè voglio dire, stai studiando, è per il tuo futuro! e se sei all’estero a spassartela come un matto, non puoi pensare di star perdendo tempo: l’esperienza in un paese straniero fa curriculum! e se fai ogni volta le 3 di mattina, e provi a fare qualsiasi cosa tu non abbia fatto nella tua vita o che comunque non faresti a casa tua, non puoi sentirti strano: sei giovane, devi fare esperienza!
insomma, lo studente ha tanti, tantissimi alibi. alibi che gli permettono di vivere la vita più strafiga del mondo senza problema alcuno.
Ci si diverte sempre più qui. ormai il dormitorio è roba nostra, gli italiani sono ovunque…tra le sedute a base di pasta e caffè, parlando a voce alta e lamentandoci del ketchup spermuto con violenza sui maccheroni (una visione che può causare seri traumi, fidatevi), siamo riusciti a farci voler bene.
Iniziano le esperienze diverse, che ti fanno ricordare che in fin dei conti, diciamolo, sei in vacanza, tipo andare a fare climbing sui muri con tanto di imbracatura, e gli orari sono sempre più sballati, per cui continui a dare colpa al jet leg anche se ormai sei via da due settimane.
alterniamo pasti fuori alla cucina nel dormitorio. la mensa è apprezzabile, devo dire, anche se spesso non sai cosa mangi e ti limiti a indicare ciò che sembra avere un aspetto più appetibile (e molto spesso le due cose non coincidono, purtroppo). l’acqua costa più del tè o dei vari succhi extradolci che bevono per accompagnare il pranzo, le zuppe a base d’acqua ‘pe sciacquà e stindin’, come direi a Napoli, vanno per la maggiore, accompagnate da purè, kasha (grano saraceno), plof’ (riso con carne) e verdurine varie, tra le quali regna la mitica, inoppugnabile regina della geografia delle medie: la barbabietola da zucchero!
La vodka c’è, inutile dirlo. e questo si sa. ma non immaginereste chi è il vero re delle bevande russe: il TE’. tè la mattina, tè a pranzo, tè dopo pranzo. tè il pomeriggio, tè a cena, tè dopo cena, tè prima di andare a dormire. sempre, dovunque e comunque. a litri. ora capisco perchè ogni stanza del dormitorio ha in dotazione un bollitore: è un bene di prima necessità come la moka per noi italiani…
oggi nevica, e sono -7°. la cosa mi manda in confusione, il mio ‘termometro biologico’ mi parla di estate che si avvicina, vedere un paesaggio tipicamente invernale mi fa strano. ma camminare nel bel mezzo di una nevicata siberiana e sentire la neve morbida che a ogni passo scricchiola e sprofonda sotto le tue scarpe è un’esperienza davvero da ricordare.
continuano le risate nei nostri tentativi di comunicazione in russo, ma la cosa più divertente è senz’altro poter usare l’italiano, o meglio il napoletano, per qualsiasi tipo di esclamazione, anche (e soprattutto, ovviamente) le più, come dire…dirette ed eloquenti. sarà difficile rinunciarci una volta a casa…
tutto per ora. alla prossima.

p.s. caro Napoli…peccato, ci speravo. ma ti amo, SEMPRE!

commenti
  1. Grazia scrive:

    La vita da studente all’estero, quanta nostalgia! Mi diverte sempre leggere post di ragazzi in erasmus, mi ricorda tanto quando circa un anno fa anch’io ero a stradivertirmi scambiando le serate tra birra e gente da tutte le parti del mondo per scambi interculturali!
    Solo una piccola osservazione: la vita dello studente Erasmus è unica, e non sempre coincide con quella dello studente solito, anche se fuori sede (esperienza personale)🙂

    Buona permanenza!!

  2. rockflos scrive:

    Grazie mille! è vero, la vita da Erasmus è diversa, ma qui sono in un dormitorio e noto che a parte i momenti di studio intenso, anche i fuorisede hanno sempre qualcosa da fare, gente da vedere, festini da organizzare…è proprio un bell’ambiente! ma io non sono mai stata fuorisede, quindi forse è la mia impressione (magari all’estero è anche diverso perchè la vita dello studente mi sembra più ‘facilitata’). comunque è la vita universitaria che in generale mi piace tantissimo!
    In bocca al lupo per tutto🙂

    • Grazia scrive:

      Diciamo che sembra di avere più responsabilità…In erasmus non te ne frega niente, ti diverti e trovi sempre gente pronta a divertirsi, l’università ti puoi permettere di frequentarla con più leggerezza, mentre a casa tendi a impegnarti un po’ di più, oltre a ritrovarti sommersa dagli impegni più svariati che comporta vivere da sola🙂 per questo il consiglio che do sempre è quello di godersi l’erasmus al massimo perchè è un’esperienza unica davvero, e per niente assimilabile a quello dello studente in generale! ma da quel poco che ho letto sembra che tu non abbia bisogno di questo genere di consigli, ahah!

      • rockflos scrive:

        Ahah in effetti è così, sto vivendo al massimo questa esperienza perchè mi rendo conto della sua unicità. tra l’altro sono fuori dall’Europa, e questo rende il tutto ancora più magico e speciale, perchè senti di essere in una realtà davvero diversa dalla tua, è tutto così…esotico!😀 e già sto pensando a quanto sarà difficile tornare, lasciare tantissimi nuovi amici, la vita in dormitorio, le serate sempre vive, sempre allegre, sempre in compagnia…insomma, viva gli erasmus, viva i viaggi, viva tutto!😉

      • Grazia scrive:

        ahah oddio no la nostalgia post erasmus non passa mai! io sono tornata ormai da un anno e due mesi ma non riesco a smettere di pensarci, di voler tornare, di guardare le foto… c’è chi dice che la voglia di essere lì ti passa se torni in quel posto e vedi che non è più lo stesso di come l’hai lasciato; sicuramente però la magia di quei giorni resta da qualche parte e comunque ti accompagnerà per sempre!

  3. rockflos scrive:

    Esperienze davvero uniche🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...