Settimana 5, giorno 33

Pubblicato: aprile 3, 2012 in Diario di viaggio
Tag:, , , , , ,

Ci sarà solo una cosa in grado di non farmi disperare quando tornerò a Napoli: questo non è un ritmo di vita sostenibile per sempre. si dorme sempre meno, si esce sempre di più, si organizzano sempre più incontri, gite, uscite, feste, attività…non so più come dividermi e quando trovare il tempo per fermarmi un attimo. ma la verità è che io ora NON VOGLIO fermarmi: mi pare sempre di trovare la forza per tutto, c’è un’energia che mi continua a spingere, una voglia fortissima di godere ogni momento della mia vita siberiana.
settimana di gite: sabato all’extreme park, domenica al bosco.
partiamo sabato alle 12 dopo un venerdì sera pazzo (in tipico stile russo: venerdì e sabato a festeggiare degnamente il week-end, domenica riposo totale) e 4 ore scarse di sonno, ci avventuriamo nella tipica marchroutka russa, di cui avrò sicuramente modo di parlare tra gli aspetti più curiosi della vita siberiana: vi basti sapere che è il pezzotto di un normale pulmino. comunque sia, dopo esserci fermati perchè il conduttore non sapeva la strada (al ritorno la sbaglierà addirittura) arriviamo in questo luogo innevato (ma và?) dove fittiamo una sorta di capanna con un grande camino al centro che effetivamente riesce a scaldare tutto l’ambiente (questi russi sono avanti anni luce coi sistemi di riscaldamento, anche a -10, c’è poco da fà). tutti a giocare a paintball in questo scenario molto Call of duty, con una roccaforte diroccata da difendere e oggetti di perestroikana memoria come pullman semidistrutti e bruciacchiati e colonne di pneumatici che rendevano il tutto davvero molto wild. dopo, per continuare il mio processo di russizzazione, preparo i tipici spiedini russi, gli shashliki, una bontà indescrivibile che cercherò di portare in Italia. qui si comprano delle buste di carne, in genere di pollo (ma chi può dire se l’animale originario avesse davvero le piume e non, per esempio, i baffi e la coda), messa a marinare con cipolle e aromi. i suddetti pezzi di carne vengono messi in spiedoni lunghi circa mezzo metro, secondo una tecnica ben precisa da me prontamente appresa. a questo punto vi serve solo un fuoco, e il gioco è fatto!
e con lo shashlik mi pare che ci sta bene una bella partita di pallone! mi metto nelle orecchie finchè non ne recuperiamo uno e andiamo a giocare in un campo, guarda caso, completamente innevato. ebbene, giocare a calcio sulla neve è un’esperienza da fare. dopo un primo momento di impaccio eravamo tutti lì ad azzuffarci per il possesso palla, e riesco a segnare l’unico gol della mia squadra sotto l’urlo ITALIANS DO IT BETTER!!!
Domenica è la volta della TAIGA. prendiamo un treno a breve percorrenza che in un’ora ci porta esattamente nel mezzo del nulla più assoluto. ma a noi non basta, e camminiamo per un’altra ora per addentrarci nella foresta innevata, in un percorso magico e meraviglioso anche se reso a volte piuttosto difficoltoso dalle frequenti cadute nella neve alta in certi punti più di un metro…giungiamo infine a questa pozza d’acqua mai ghiacciata a causa di una particolare composizione chimica, mentre qui e lì falegnami improvvisati iniziano a spaccare la legna con mezzi di fortuna per dar vita al nostro barbecue in mezzo alla taiga siberiana. che magia.
Dal week-end sono dunque uscita mezza morta, ma come sempre mi riprendo perchè sono tante le cose da fare. oggi ho iniziato anche la pallavolo, giusto per non far offendere nessuno sport. direi che devo ancora cercare la scuola di curling e poi ho finito.
cos’altro? niente, il primo mese è passato, la primavera qui sembra timidamente fare capolino, con la neve che inizia a sciogliersi (le nostre schiene ringraziano per gli scivoloni causati dal simpaticissimo ghiaccio sciolto), i miei primi tentativi di non indossare le calzamaglie di lana, e il sole che sembra sempre più farla da padrone. spero di essere in tempo per vedere questa città fiorire nel suo splendore naturale, con gli alberi e i prati in fiore.
Le nottate per il Napoli continuano, anche se non danno sempre i frutti sperati…ma noi siamo sempre lì!
Tutto per ora. до скорого.

commenti
  1. che voglia FOTTISSIMA di godere ogni momento!
    non potrebbe essere altrimenti… data la tua FOZZA!

  2. rockflos scrive:

    Il più FOTTE sei sempre tu…

  3. Y. scrive:

    oppo FOTTI tutti e due😛

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...